Labico on Video

Transumanza Eroica

26 ottobre 2011

Allergici alla democrazia

Siamo alla fine di un ciclo. Da adesso in poi ogni atto che verrà portato in consiglio comunale sarà l’ultimo, della sua categoria, di questa consiliatura. E ognuno di essi servirà a delineare una valutazione sull’operato dell’amministrazione e, in una certa misura, anche dell’opposizione. Dalla lunghezza dell’intervallo tra un consiglio comunale e l’altro – il record è stato recentemente battuto con un’interruzione di tre mesi e mezzo (da giugno a ottobre) – già ci si può fare un’idea delle difficoltà della maggioranza nel prendere parte al più importante momento di partecipazione democratica e di confronto: il consiglio comunale. Questo sia perché fondamentalmente allergici sia alla partecipazione che alla democrazia, sia perché preoccupati dal confronto con l’opposizione, che li ha sempre visti in enorme difficoltà. Basta assistere ad un consiglio comunale per rendersene conto. E così è stato anche negli ultimi due. Era passato talmente tanto tempo dal precedente che un consiglio comunale non è bastato ad affrontare tutte le questioni che si erano accumulate. Basta pensare che il primo punto all’ordine del giorno – il rendiconto del bilancio 2010 – avrebbe dovuto essere approvato entro il 30 aprile 2011. E per l’approvazione del secondo punto – gli equilibri di bilancio 2011 – si è resa necessaria una diffida da parte del Prefetto a convocare il consiglio comunale, per non correre il rischio – in caso di mancata approvazione nei tempi indicati dall’organo prefettizio – di essere commissariati.
Da questi aspetti si capisce molto bene quale sia l’atteggiamento della nostra amministrazione, il cui impegno e la cui solerzia sono ineguagliabili solo ed esclusivamente quando si devono affrontare temi, come l’urbanistica, che preludono alla devastazione speculativa del territorio. Per esaminare le osservazioni alla variante al piano regolatore si riuniva il consiglio comunale ogni settimana. In quel caso la conclusione dell’iter procedurale per l’approvazione della variante aveva la priorità su tutto e la maggioranza era letteralmente precettata. Altrettanto solerte è stata l’amministrazione quando ci si doveva occupare di questioni che riguardavano direttamente il sindaco. Come l’istituzione di una commissione ad hoc per garantirgli la possibilità di organizzare “Caput Lucis” nel suo ristorante o l’organizzazione di una sagra delle nocciole – con soldi pubblici – che sembrava una kermesse pubblicitaria per la sua azienda.
Ovviamente la solerzia e l’impegno vengono meno quando i problemi da affrontare riguardano la collettività. In quel caso l’amministrazione diventa improvvisamente distratta e assente e così abbiamo la zona dei cerchi in stato di abbandono da oltre tre anni, la via Casilina senza illuminazione e con cantieri privi dei requisiti di sicurezza per l’intera estate, la scuola pubblica piena di disagi e problemi, aggravati dai tagli operati dalla giunta con l’ultimo bilancio, una biblioteca inesistente, l’assoluta inadeguatezza di gran parte dei servizi per la collettività e i mille altri problemi che i cittadini devono vivere ogni giorno, nell’assoluta indifferenza dei nostri amministratori.
Un’indifferenza che si è manifestata in modo inequivocabile proprio negli ultimi due consigli comunali, al termine dei quali sindaco e vicesindaco sono fuggiti di fronte all’obbligo che la legge impone loro di rispondere alle interrogazioni presentate dai consiglieri di opposizione. In pratica sono rimaste inevase tutte le interrogazioni del 2011, che vertono su argomenti di interesse dei cittadini e della collettività. Purtroppo non c’è nulla da fare, né il sindaco, né il vicesindaco hanno tempo da perdere per i propri concittadini, salvo andarli a cercare per chiedere nuovamente il consenso convinti di poter continuare a gestire il potere in questo modo plumbeo e clientelare, sempre nell’interesse di pochi furbi e alla faccia di molti, spesso inconsapevoli. Quello che abbiamo fatto in questi anni e quello che faremo nei prossimi mesi sarà di cercare di dare a quei molti tutti gli strumenti necessari per garantire loro la massima consapevolezza.  Poi saranno loro, i cittadini labicani, a scegliere se vorranno tenersi questi amministratori o se vorranno, finalmente, aprire una pagina nuova – e pulita – nella politica labicana.

Nessun commento:

Posta un commento

Alle colonne d'Ercole

Alle colonne d'Ercole
La mia ultima avventura